L’evoluzione viene considerata da alcuni innegabile come lo è la forza di gravità, un meccanismo naturale dalle capacità praticamente illimitate: all’evoluzione viene di fatto attribuita la complessità e la biodiversità della vita sul nostro pianeta.

Nel trattare anche solo parzialmente un tema tanto ampio, complesso, controverso, dibattuto e dalle profonde implicazioni risulta vantaggioso iniziare specificando bene che cosa si intende con l’uso del termine oggetto della trattazione, che nel nostro caso riguarda il significato nel contesto della biologia.

Possiamo da subito affermare che chiunque si potrà facilmente rendere conto di quanto sia difficile trovare una definizione universalmente riconosciuta e incontrovertibile dell’evoluzione, per esempio anche solo ricercando la definizione del termine su Internet

Tra le tante versioni a disposizione, un buon compromesso tra semplicità e completezza è quella che troviamo nella relativa pagina di Wikipedia:

..il progressivo ed ininterrotto accumularsi di modificazioni successive, fino a manifestare, in un arco di tempo sufficientemente ampio, significativi cambiamenti morfologici, strutturali e funzionali negli organismi viventi..”...................http://evoluzionescientifica.altervista.org/limiti-dellevoluzione-ed-informazione-biologica/


Esso sostiene che le specie non possono trasformarsi in altre specie e restano fisse nelle loro caratteristiche. Sembra un concetto semplice e chiaro, invece ha un margine di ambiguità, seppur limitato; ciò è dovuto all’incertezza che si è sempre avuta nel definire in modo univoco cosa sia una  <<specie>>.

Leggi tutto...

Roma 43Mi piace la scienza, cioè le cose concrete, dimostrabili e dimostrate. È stato un piacere per l’intelletto leggere gli scritti di Pasteur e Mendel, che annunciavano rivoluzionarie novità con parole semplici, lineari, di poche pagine, che indicavano esperimenti replicabili e risolutivi. Per non rimanere con valutazioni di seconda mano su Darwin, decisi di leggere anche la traduzione italiana della sua opera fondamentale, pubblicata a Londra nel 1859 (L’origine delle specie[Newton Compton, Roma 1974]).

Leggi tutto...


La teoria di Darwin ha la stessa capacità esplicativa dei racconti di Kipling.

Darwin disse di aver trovato la spiegazione dell’evoluzione ma aveva solo scritto una narrazione adatta alla mentalità della sua epoca.

La teoria di Darwin che oggi si celebra con le iniziative dei “Darwin day” fu solo una innovazione mitologica di successo e non ha portato alcun risultato nelle scienze, è ora di riconoscerla come tale.

Leggi tutto...

L'evoluzionismo teista accetta sostanzialmente i fatti e i processi proposti dall’evoluzionismo, ma ritiene che dietro le quinte ci sia la mano di Dio. Insomma, l’evoluzionismo teista parte dall’evoluzione e si avvicina alla divinità, mentre il creazionismo progressivo parte dalla Bibbia e fa un passo verso l’evoluzionismo.

Leggi tutto...

Utilizzando questo sito, accetti che noi e i nostri partner si possa impostare dei cookie per personalizzare i contenuti come da nostra Cookie Policy