Di Alexander R. Williams

Articolo tradotto con permesso da www.creation.com

 

Articolo originale https://creation.com/flaws-in-dating-the-earth-as-ancient

 

 

Tradotto da Matteo D’ambrosio per AISO (www.origini.info)

 

Nel 1986 il leader delle riviste scientifiche, Nature, annunciò che le più antiche rocce di cristallo sulla terra, secondo il metodo di datazione degli isotopi, hanno 4,3 miliardi di anni e provenivano da Jack Hills, nell'Australia occidentale.

Leggi tutto...

Il filosofo Mariano Artigas confuta le tesi pseudo-scentifiche di Stewen hawking e di Richard Dawkins.

Nel bel libro divulgativo "Le frontiere dell'evoluzionismo" dimostra che molti discorsi degli evoluzionisti sono infarciti di ipotesi indimostrate presentate come dogmi.

Leggi l'intero articolo http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=2430

 Secondo questa teoria, alcuni miliardi di anni fa tutta la materia dell’universo era concentrata in un piccolissimo spazio, non più grande di un pisello. Si sarebbe allora verificata una «Grande Esplosione» — un «Big Bang» (BB) per l’appunto — con l’espansione della materia e la formazione dei vari elementi chimici che costituiscono la Terra e i corpi celesti. Questa concezione non ha bisogno di presupporre un Creatore e consente di far risalire il tutto a cause puramente naturali e materiali.

Leggi tutto...

La teoria darwiniana a 150 anni dalla sua formulazione perde in modo accelerato consensi da parte di settori della scienza e della cultura.

Proprio sul finire del 2016 appariva sul sito di Pikaia, il portale dell’evoluzione, un articolo intitolato “Il falò (immotivato) del darwinismo” a firma ancora una volta del professore Telmo Pievani che confermiamo di poter ritenere il massimo esponente italiano della teoria neodarwiniana.

Leggi tutto...

Utilizzando questo sito, accetti che noi e i nostri partner si possa impostare dei cookie per personalizzare i contenuti come da nostra Cookie Policy