Le ossa dei mammiferi si sono davvero evolute dalle mascelle dei rettili?

Il timpano è un ostacolo per l'evoluzione delle ossa dell'orecchio medio nei mammiferi

Articolo tradotto con permesso da www.creation.com

Articolo originale http://creation.com/mammal-middle-ear-bones

Tradotto da Matteo d’Ambrosio per AISO (www.origini.info)

di Matthew Cserhati

Introduzione

ossa1

Figura 1: Posizione e nomi di diverse ossa nella mascella dei rettili e nell'orecchio medio dei mammiferi. Credito: Università della CaliFfornia, Berkeley

 

Alcuni evoluzionisti affermano che i mammiferi si sono evoluti dai rettili attraverso un gruppo di animali noti come "rettili simili a mammiferi". Questo è un grande passo nel modello evolutivo. Essi credono che alcune ossa della mascella e del cranio nei rettili si evolvano nelle ossa dell'orecchio medio dei mammiferi.

Leggi tutto...

 

Articolo tradotto con permesso da www.creation.com

 

Articolo originalehttps://creation.com/fish-scales-inspire-flexible-armoured-gloves

 

Tradotto da Daniel Fantasia per AISO (www.origini.info)

 

di Jonathan Sarfati

 

 

‘ProjectManhatten’ CC-BY-SA 4.0 via Wikipedia

pesce1

 

Anche dopo molteplici perforazioni, la corazza ha mantenuto la sua resistenza, anche se le perforazioni sono solo a due squame di distanza

 

 

Vestiti di protezione dovrebbero combinare la durezza (resistenza alle perforazioni) con la flessibilità. Ma i materiali più duri sono normalmente rigidi. Questo viene risolto inserendo pezzettini di una sostanza dura assieme ad uno strato più morbido, es. lorica squamata, armatura romana con squame metalliche cucite sul vestito.

Leggi tutto...

Articolo tradotto con permesso da www.creation.com

Articolo originalehttps://creation.com/pollution-killifish

Tradotto da Daniel Fantasia per AISO (www.origini.info)

da David Catchpoole

©123rf.com/lightwise

 

I pesci che tollerano l’inquinamento avevano un insieme comune di mutazioni

 

I killifish atlantici (Fundulus heteroclitus), anche conosciuti come sanguinerola del fango o mummichog, sono abbondanti nelle acque estuariali lungo la costa dell’Atlantico di Usa e Canada. A causa del fatto di essere “tipicamente molto sensibili all’inquinamento”, sono stati indicati per qualche tempo specie fungenti da indicatori ambientali.(1) Essi rappresentano, come indicatore barometrico della salute degli ecosistemi, l’equivalente acquatico di un “canarino in una miniera di carbone”.(2)

Leggi tutto...

1Perché gli occhi di renne diventano blu in inverno

Articolo tradotto con permesso da www.creation.com

Articolo originale http://creation.com/reindeer-eyes-turn-blue-in-winter

Tradotto da Matteo d’Ambrosio per AISO (www.origini.info)

di David Catchpoole

Gli occhi dorati delle renne artiche (caribù, Rangifer tarandus) diventano blu intenso in inverno. Un ricercatore coinvolto in questa scoperta del 2001, il neuro scienziato Glen Jeffery, studia la vista all'University College di Londra. Descrivendo la differenza cromatica come "drammatica", ha detto, "Ci sono voluti 12 anni per scoprire lentamente cosa sta succedendo e perché."(1,2).

Leggi tutto...

Utilizzando questo sito, accetti che noi e i nostri partner si possa impostare dei cookie per personalizzare i contenuti come da nostra Cookie Policy